Cerca nel sito

venerdì 12 maggio 2017

DocuSign e AstraZeneca: distribuzione dei farmaci sul mercato più veloce


DocuSign accelera i tempi di distribuzione dei farmaci ai pazienti AstraZeneca Velocità, sicurezza e costi dell'IT ridotti di 150 milioni di dollari

È stato presentato l'11 maggio 2016 durante KEY4PAPERLESS il progetto di dematerializzazione dei documenti intrapreso da AstraZeneca, volto ad accelerare i tempi burocratici, diminuire i costi e migliorare la collaborazione tra i dipendenti a livello mondiale.

ASTRAZENECA: LE SDIFE DEL SETTORE FARMACEUTICO IN UN CONTESTO MONDIALE
AstraZeneca è una delle poche aziende biofarmaceutiche pure-play nel mondo, in grado di coprire l'intera catena del valore di un farmaco: dalla scoperta, allo sviluppo precoce o avanzato, fino alla produzione e distribuzione sul mercato. 

Con un fatturato di 26 miliardi di dollari, avvalendosi di circa 65.000 collaboratori in più di 100 Paesi, l'azienda porta i suoi farmaci innovativi in tutto il mondo a milioni di pazienti.
In un contesto complesso come quello scientifico con un'alta intensità di dati, molteplici soggetti coinvolti e transazioni quotidiane, AstraZeneca aveva l'esigenza di semplificare le procedurediminuire i costi di sviluppo dei farmaci e ridurre i rischi legati a sicurezza e conformità, al fine di portare i trattamenti sul mercato in modo più veloce ed efficiente.

DOCUSIGN: LA SOLUZIONE
AstraZeneca, identificando nel reparto IT la chiave critica del cambiamento, ha scelto DocuSign per migliorarne velocitàsicurezza e conformità.

Il primo obiettivo di AstraZeneca è stato velocizzare le tempistiche. Il mercato farmaceutico, infatti, ha una concorrenza serrata in relazione sia allo sviluppo dei farmaci sia alla loro introduzione sul mercato. 

Ogni farmaco portato sul mercato si traduce soprattutto in un concreto aiuto a milioni di pazienti con malattie croniche, oltre che in decine di milioni di dollari di entrate. La velocità è dunque fondamentale. 

AstraZeneca ha utilizzato DocuSign per snellire e velocizzare i processi di firma dei contratti con pazienti e medici in tutto il mondo. Ha quindi dotato i propri collaboratori sul campo di un iPad che, grazie a una soluzione di firma digitale e di gestione delle transazioni integrata, permettesse alla società di arrivare al mercato con maggiore celerità.

Gianni SandrucciCEO di Itagile, distributore della soluzione DocuSign in Italia, ha spiegato: "Prima dell'introduzione di DocuSign per concludere un contatto era stimato un tempo di 5 giorni, o addirittura, di più settimane; ora, l'azienda è in grado di completare queste operazioni critiche in poche ore. L'85% dei documenti viene elaborato con DocuSign in meno di un giorno: un miglioramento sensibile".

La velocità non è l'unico aspetto del cambiamento. 

Il secondo obiettivo di AstraZeneca, infatti, è stato migliorare la qualità del processo, con riduzione significativa di rischio di errori. La scelta di affidarsi al cloud ha garantito la sicurezza Bank-Grade e la disponibilità Carrier-Grade per inviare, firmare e gestire le transazioni e i flussi di lavoro digitale nella nuvola in modo rapido, semplice e sicuro.

Commenta Sandrucci: "La sicurezza è un altro aspetto fondamentale quando si parla di mercato farmaceutico. Bisogna essere certi non solo di lavorare con uno strumento sicuro, ma anche che i documenti saranno trattati nello stesso modo in cui si farebbe manualmente con la carta, vale a dire che il documento non possa essere violato o falsificato".
Il terzo aspetto è la conformità. Il rispetto è il principale motore di ogni vendita, soprattutto in un settore che include a vario titolo procedure legate ad appalti, questioni legali, gestione di risorse umane e di processi clinici. 

Si tratta di procedure regolamentate rigorosamente, per cui l'immissione sul mercato di ogni nuovo farmaco avviene attraverso la condivisione di informazioni sensibili con le agenzie governative. DocuSign rende questo processo più agevole consentendo la compilazione e il completamento di ogni contratto con un semplice clic, senza necessità di ottenere i dati da un sistema CRM in un nuovo sistema.

BENEFICI E PERFORMANCE
AstraZeneca con la soluzione DocuSign Enterprise Edition vede crescere il numero di utenti del +20% mese su mese.

L'implementazione delle soluzioni cloud di DocuSign in AstraZeneca ha portato alla riduzione dei costi IT per un totale di 150 milioni di dollari, ha aumentato la soddisfazione dei clienti di 16 punti percentualemigliorato la stabilità del sistema critico del 80% e ha aumentato notevolmente la reattività alle risoluzione dei problemi e la velocità di erogazione del programma.

David SmoleyChief Information Officer di AstraZeneca, ha commentato: "DocuSign è uno strumento che semplificavelocizza e porta un reale valore aggiunto in azienda. E' un 'abilitatore' facile da implementare, che può essere installato nell'immediato e risultare funzionante in pochi giorni. Per queste caratteristiche, ha trasformato il modo di fare business in AstraZeneca".

DocuSign offre un robusto ecosistema di partner e API flessibile che permette di integrare la soluzione di firma elettronica con l'investimento tecnologico iniziale, consentendo ad AstraZeneca di migliorare l'esperienza di utilizzo di tutti gli interlocutori, interni ed esterni.


KEY4PAPERLESS 2016 - KEY4PAPERLESS è un workshop informativo sui temi della dematerializzazione. Il suo scopo è fornire lo stato dell'arte tecnico e legale sui temi caldi del mondo paperless, ma anche illustrare le best practice di chi ha già intrapreso il cambiamento. Un aiuto per chi deve affrontare o è già impegnato nel passaggio dalla carta al digitale. 

Dopo il grande successo delle edizioni del 2013, 2014 e 2015 KEY4PAPERLESS ritorna quest'anno sui temi caldi di un mondo in continua evoluzione: Regolamento europeo eIDAS, TSPQ (Trust Service Provider Qualified), SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale), standard e strumenti globali per le transazioni digitali, 3 storie di successo di dematerializzazione, fruibilità dei dati digitali e conservazione digitale. 

Nessun commento:

Posta un commento

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI